Eventi, mostre, fiere, sagre, festival, gare e altre manifestazioni

home page

Vi proponiamo una selezione degli appuntamenti in programma in Valle d'Aosta

Per un programma delle principali manifestazione annuali e degli eventi sportivi, consultare la sezione Eventi annuali

Forte di Bard
Montserrat.
Opere maggiori dell'Abbazia

31 gennaio - 2 giugno 2014
Il Forte di Bard presenta, per la prima volta raccolte in un unico evento, le opere dal grande valore storico-artistico provenienti dal Monastero benedettino di Montserrat, vicino a Barcellona. Il famoso monastero, fondato nel 1025 per commemorare l’apparizione della Vergine, è tuttora meta di innumerevoli pellegrini e visitatori.
Verranno esposti cento capolavori, dal Romanico al Barocco all’Impressionismo all’Avanguardia, con omaggi particolari all’arte italiana e alla pittura antica spagnola. Tra le opere esposte spiccano il San Gerolamo di Caravaggio, le tele di Gianbattista Tiepolo, Luca Giordano, Francesco Solimena, Andrea da Salerno, Pedro Berruguete, Marià Fortuny, Rembrandt e due capricci di Luigi Rossini mai esposti. A questi si aggiungono altri grandi maestri della storia dell’arte: Monet, Degas, Pisarro, Sisley, Rouault, Chagall, Braque, Marini, Hartung, Rusiñol, Picasso, Dalì, Tàpies, Poliakoff, Chanko, Le Corbusier e Subirachs.
Carnevali di montagna

Valle del Gran San Bernardo

Carnevali della Coumba Freide

Il carnevale più originale della nostra regione è sicuramente quello della "Coumba freida", ovvero la valle del Gran San Bernardo. Qui la festa è caratterizzata dalle "landzette", le maschere che indossano abiti colorati, adorni di perline, paillettes e specchietti; il cappello è di stile vagamente napoleonico; la faccia è coperta da una maschera (un tempo di legno, oggi solitamente di plastica); in mano tengono una coda di cavallo; alla vita hanno una cintura munita di un campanello.

Altre informazioni nella sezione Cultura e tradizioni

Carnevali storici

in Valle d'Aosta

Nella bassa Valle d'Aosta i carnevali storici sono un evento da non perdere, per le rievocazioni suggestive di fatti storici che si perdono nella notte dei tempi, per la ricchezza dei costumi, per il clima di festa che pervade per giorni tutti i paesi coinvolti.

A Pont-Saint-Martin il carnevale si festeggia fin dal 1910 rievocando la vittoria dei Romani sui Salassi e ricordando leggende come quella di San Martino e il diavolo o della ninfa del Lys. Tra gli eventi principali del carnevale vi sono la sarabanda mascherata e le corse delle bighe in costume d'epoca romana. La sera del martedì grasso viene bruciato il fantoccio del diavolo, seguito da grande spettacolo pirotecnico.

A Verrès si tiene il più famoso e sfarzoso carnevale valdostano. Il rituale dei festeggiamenti si rifà ad un episodio storico del XV secolo quando Caterina di Challant, figlia del conte Francesco, signora di Verrès, insieme col marito Pierre d'Introd, scese nel borgo ed intrecciò le danze con gli abitanti del paese. Tra i momenti clou della manifestazione vi sono senz'altro i veglioni in maschera al Castello di Verrès e il Gran Corso di Gala del martedì grasso con Caterina di Challant e il suo seguito a sfilare per il borgo in compagnia di gruppi folkloristici e mascherati, carri allegorici e bande musicali.

Di più recente tradizione, ma in crescita, i carnevali storici di Quart e di Nus.

A Saint-Vincent, si festeggia da moltissimi anni il carnevale dei piccoli: per una settimana le funzioni amministrative vengono affidate ai bambini con l'elezione di un sindaco pro-tempore. I proventi delle multe inflitte dai mini-vigili vengono distribuiti in beneficenza. www.saintvincentvda.it

Aosta, Museo Archeologico
12  dicembre - 11 maggio
Universo Depero

Fino all'11 maggio 2014 il Museo archeologico regionale di Aosta ospiterà una mostra dedicata a Fortunato Depero (1892-1960). Tra i protagonisti del movimento futurista - che si è imposto sulla scena artistica per la sua ricerca di una nuova estetica in grado di coinvolgere ogni aspetto dell'esistenza - Depero è stato non solo pittore e scultore di talento, ma anche scenografo, costumista, pubblicitario, designer e maestro nelle arti applicate. La mostra, intitolata 'Universo Depero', intende affrontare l'opera dell'artista nella sua interezza con un taglio inedito, destinato a coinvolgere e attrarre un vasto pubblico. L'esposizione è realizzata in collaborazione col Museo d'arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto-Mart di Rovereto, che concederà in prestito una serie di opere particolarmente significative, realizzate da Depero tra il 1910 e la metà degli anni Cinquanta. Saranno esposte circa ottanta opere, selezionate tra dipinti, arazzi, tarsie, mobili, scenografie, oggetti d'arte decorativa, giubbotti futuristi, libri bullonati, manifesti, fotografie e disegni.

Guglielmo Pramotton.
La storia e le storie

Aosta, chiesa di San Lorenzo

30 novembre 2013 - 27 aprile 2014

Fino al 27 aprile 2014 la chiesa sconsacrata di San Lorenzo (complesso di Sant'Orso) presenta al pubblico un'esposizione dello scultore valdostano Guglielmo Pramotton. La mostra propone una selezione di oltre trenta sculture, per la maggior parte realizzate a tuttotondo in legno di noce, raffiguranti i suoi soggetti prediletti: dai monaci ai contadini, alle scene di vita quotidiana ambientate in montagna. Le opere di Pramotton, caratterizzate da una solida impostazione volumetrica e da una vigorosa forza espressiva, raccontano la grande Storia, come la statua dedicata a Napoleone Bonaparte, ma anche le storie quotidiane della gente di montagna, il loro duro lavoro e la loro devozione verso i santi.
Orario: da martedì a domenica: 9.30 - 12.30 / 14.30 - 18.30. Chiuso il lunedì. Ingresso gratuito.

Joe Tilson. Ritorno ad Aosta

26 ottobre 2013 - 4 maggio 2014

Fino al 4 maggio 2014, è aperta al Centro Saint-Bénin di Aosta una mostra dedicata all’artista Joe Tilson, protagonista della Pop Art in Inghilterra negli anni Sessanta. La mostra Joe Tilson. Ritorno ad Aosta, è stata espressamente concepita per il Centro Saint-Bénin e intende documentare i molti aspetti della ricerca espressiva di Tilson, attraverso un’ampia selezione di sculture in terracotta, legno e vetro, dipinti su carta e su legno, grafiche. A tali opere l’artista inglese non attribuisce alcuna gerarchia di valori, considerando ogni tecnica espressiva ugualmente efficace per rappresentare il suo complesso mondo immaginativo.
Orario: da martedì a domenica: 9.30 - 12.30 / 14.30 - 18.30. Chiuso il lunedì

Chatillon
Castello Gamba
Arte moderna e contemporanea
Castello Baron GambaIl Castello Gamba di Chatillon, fatto erigere tra il 1901 e il 1903 dal barone Carlo Maurizio Gamba, ospita la collezione di arte moderna e contemporanea della Regione Autonoma Valle d'Aosta. L'esposizione, articolata in 13 sale, presenta una selezione di 150 opere realizzate dalla fine del XIX secolo ad oggi.

Fino al 5 ottobre il castello ospita l'esposizione Au coeur de la matière dell'artista valdostana Giuliana Cunéaz.

Di grande interesse anche il grande parco alberato che circonda il castello e che accoglie alcune imponenti piante monumentali.

7-14 settembre 2014

Tor des Géants
endurance trail della Valle d'Aosta
quinta edizione

Toir des Géants 2012La quinta edizione del Tor des Géants si disputerà dal 7 al 14 settembre 2014. La prova, una delle più impegnative al mondo, sta riscuotendo un grande successo di partecipazione e di gradimento fra gli atleti e un crescente interesse di pubblico. Si tratta di una corsa davvero estrema: 330 km di sviluppo orizzontale, 24.000 m di dislivello verticale, 35 colli al sopra dei 2.000 m. La gara concatena i percorsi dell'Alta Via n. 2 e dell'Alta Via n. 1 della Valle d'Aosta. Partenza e arrivo da Courmayeur: il periplo della regione ai piedi dei più alti quattromila delle Alpi. Un'esperienza davvero al limite delle possibilità umane che mette alla prova le capacità e la resistenza anche dei più tosti: tempo max 150 ore. Informazioni dettagliate sulla corsa sono disponibili sul sito ufficiale della manifestazione: www.tordesgeants.it 
L'edizione 2013 è stata vinta dallo spagnolo Iker Carrera nell'incredibile tempo di 70h 04' 15". La prima delle donne è stata - come nel 2012 - la valdostana Francesca Canepa, quindicesima assoluta, con un fantastico 88h 12' e 17".

Osservatorio Astronomico della Valle d'Aosta
Saint-Barthélemy (Nus)

Visite, osservazioni, attività

L'Osservatorio astronomico regionale di St Barthelemy, potenziato recentemente con nuova strumentazione, continua la propria missione di divulgazione organizzando numerose attività di informazione e animazione: conferenze, corsi teorico-pratici di astronomia e archeoastronomia, serate a tema.

Per il programma dettagliato delle attività, visitate il sito dell'Osservatorio: www.oavda.it

L'Osservatorio astronomico della Valle d'Aosta è situato a Lignan, a 1.650 m di altitudine, nel comune di Nus. La struttura è stata concepita per ospitare, oltre ad astronomi professionisti, anche appassionati e studenti. A fianco del telescopio principale sono a disposizione del pubblico alcuni telescopi di minori dimensioni per l'osservazione dei corpi celesti. Per le scuole e per semplici visitatori vengono organizzate visite guidate, serate di osservazione e laboratori gestiti da personale qualificato. Un planetario, aperto nei week-end, completa la ricca offerta di esperienze per appassionati e curiosi.
La zona offre diverse possibilità di belle escursioni naturalistiche ed etnografiche (Vedi sezione ItineRARI).
Per le scuole abbiamo realizzato delle attività didattiche di educazione ambientale e scientifica, abbinabili alla visita dell'osservatorio.

Nella sezione Informazioni pratiche trovate informazioni su musei, esposizioni permanenti e sedi espositive

Per gli eventi ricorrenti, comprese le manifestazioni sportive, consultare la sezione Eventi annuali

Per ulteriori informazioni sulle mostre, visitate il sito dell'Amministrazione regionale

o contattate l'ufficio mostre regionale u-mostre@regione.vda.it

Segnaliamo anche le mostre in corso e in programma alla vicina Fondation Pierre Gianadda di Martigny (Svizzera), raggiungibile in un'ora e mezza di auto da Aosta, attraverso il traforo del Gran San Bernardo.

La Fondazione Gianadda gode da anni di grande prestigio, organizzando ogni anno esposizioni di livello internazionale.

 

La bellezza del corpo nell'antichità greca. In collaborazione col British Museum21 febbraio - 9 giugno 2014
Renoir20 giugno - 23 novembre
Anker, Hodler, Vallotton... 5 dicembre 2014 - 15 giugno 2015

 

La Fondation Gianadda ospita inoltre alcune esposizioni permanenti:

 

bullet

Museo dell'automobile. Una cinquantina di vetture antiche, prodotte dal 1897 al 1939.

bullet

Museo gallo-romano. Esposizione dei numerosi reperti rinvenuti nella zona.

bullet

Parco delle sculture. E' possibile passeggiare nel parco della fondazione fra vestigia romane e sculture di alcuni tra i maggiori artisti del '900.

bullet

La cour Chagall.  Il Parco delle sculture ospita ora anche un mosaico monumentale realizzato da Marc Chagall per Ira Kostelitz e donato alla Fondazione nel novembre 2003 in occasione del suo 25° anniversario.

bullet

Collezione Louis e Evelyn Franck. 10 opere di grandi artisti tra cui Cézanne, Van Gogh, James Ensor, Toulouse-Lautrec, Kees van Dongen e Picasso sono in deposito presso la Fondazione dal 1998 per 15 anni.

 

Aperto tutti i giorni, novembre-giugno: 10-18, giugno-novembre: 9-19.

A due passi dalla Fondazione Pierre Gianadda sono visitabili i resti dell'anfiteatro romano di Octodurum (l'odierna Martigny). 

Facciamo ogni sforzo per aggiornare e verificare le informazioni contenute in queste pagine. Il webmaster non potrà tuttavia in nessun caso essere ritenuto responsabile di eventuali inconvenienti o danni derivanti da informazioni errate o incomplete.

www.naturaosta.it  Arte e natura in Valle d'Aosta -  Copyrights 2001-2014